Comunità del fantasy dedicata all'eroe creato da Claudio Chiaverotti. - Materiale riprodotto dal sito di Sergio Bonelli Editore resta proprietà della casa editrice. - Qui spam = ban!
IndiceGalleriaFAQCercaRegistratiAccedi
Siti e forum amici
Siti amici del Brendon Forum
Gli "sponsor" del Forum

Ultimi argomenti
» Dampyr
Dom 27 Ago 2017 - 8:44 Da Gas75

» #S14 Ritorno al Regno del Nonmai - luglio 2017
Dom 23 Lug 2017 - 16:20 Da Gas75

» #95 Universi - febbraio 2014
Sab 22 Lug 2017 - 12:56 Da <alessandro>

» Julia
Sab 15 Lug 2017 - 17:15 Da <alessandro>

» Paolo Limiti
Ven 30 Giu 2017 - 22:56 Da BeatOFPleasure2

» #66 Timerider - aprile 2009
Gio 29 Giu 2017 - 15:04 Da <alessandro>

» Nathan Never
Mar 27 Giu 2017 - 21:38 Da Gas75

» Zagor
Lun 26 Giu 2017 - 12:24 Da <alessandro>

» Immagini dalla Nuova Inghilterra! 2
Mer 7 Giu 2017 - 20:39 Da Gas75

» Che canzone state ascoltando? 2
Mer 7 Giu 2017 - 20:33 Da Gas75

» Mister No Riedizione
Gio 1 Giu 2017 - 10:23 Da <alessandro>

» #24 Cuore di corvo - aprile 2002
Gio 25 Mag 2017 - 15:44 Da Gas75

» Palmanova The Games Fortress, dal 30 giugno al 2 luglio 2017
Mer 24 Mag 2017 - 8:00 Da <alessandro>

» Le scene più toccanti di Brendon
Mar 23 Mag 2017 - 11:35 Da <alessandro>

» Ci metto la firma
Mar 23 Mag 2017 - 8:28 Da Gas75

» #3 La Luna Nera - ottobre 1998
Lun 22 Mag 2017 - 14:10 Da <alessandro>

» Nick Raider
Dom 14 Mag 2017 - 9:06 Da Gas75

» Jeeg Robot d'acciaio
Ven 12 Mag 2017 - 18:40 Da <alessandro>

» Figli della stessa donna senza essere fratelli
Lun 1 Mag 2017 - 21:11 Da Gas75

» Curiosità e notizie dal web 2
Ven 31 Mar 2017 - 10:37 Da Gas75

Migliori postatori
Gas75 (12231)
 
<alessandro> (6386)
 
ghera (3669)
 
giotaglia_80 (3150)
 
fiamme d'inferno (1467)
 
Pincopallino (372)
 
Basko (182)
 
BeatOFPleasure2 (101)
 
rolling (34)
 
ginkgobiloba (26)
 

Condividere | 
 

 La bacheca di Syrus: per parlare di cinema

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10 ... 16  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Lun 1 Feb 2010 - 22:14

Aldo di aldo giovanni e giacomo?
Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mar 2 Feb 2010 - 11:40

oggi vorrei proporre un film vecchiotto, ma che mi è piaciuto molto quando l'ho visto!


Titolo originale: The Omega Man
Paese: U.S.A.
Anno: 1971
Durata: 98 min
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: azione, fantascienza
Regia: Boris Sagal

CAST:

Charlton Heston: Robert Neville
Anthony Zerbe: Matthias
Rosalind Cash: Lisa
Paul Koslo: Dutch


TRAMA:

In una Los Angeles abbandonata e spettrale si aggira Robert Neville (Heston), ex medico militare e ultimo uomo sopravvissuto ad un olocausto batteriologico avvenuto due anni prima. La ricerca di generi di prima necessità da una parte e quella di mantenere la propria mente lucida in una realtà alienante dall'altra ne caratterizza le giornate, mentre la lotta armata per la sopravvivenza ne caratterizza le notti. La solitaria esistenza di Neville è infatti messa a repentaglio dal tramonto all'alba dagli assalti della Famiglia, una setta di creature che i veleni della guerra batteriologica hanno trasformato in fotofobici e psicotici albini. Riuniti attorno alla farneticante figura del loro capo Matthias (Anthony Zerbe), questo manipolo di poche centinaia di individui abbandona il proprio rifugio - simbolicamente il municipio della città - e esce allo scoperto non appena il sole cala dietro l'orizzonte per distruggere con il fuoco qualunque retaggio dell'era tecnologica, responsabile della distruzione della civiltà e di cui Neville rappresenta chiaramente l'ultima, detestabile incarnazione.

Inesorabilmente scandita da luce e tenebre, la monotona successione di giornate sempre uguali si arresta quando Neville scopre di non essere realmente solo. L'incontro con Lisa (Rosalind Cash), Dutch (Paul Koslo) e un gruppo di bambini miracolosamente scampati ad una seria intossicazione, ma di cui presentano comunque sintomi leggeri, fornisce a Neville un nuova ragion d'essere. Il suo sangue, immunizzato da un vaccino sperimentale di sua ideazione, rappresenta la salvezza per un'umanità senza più speranze. Nonostante sia riuscito a salvare Richard, un ragazzino al secondo stadio avanzato della malattia, Neville è contrario all' idea di curare la Famiglia. Programmata la partenza per abbandonare la città e trasferirsi in montagna insieme agli altri giovani superstiti, Richard si presenta al municipio per convincere Matthias e i suoi esponenti a farsi curare. Questi però dubitano delle parole del ragazzo e lo uccidono. Precipitatosi al loro nascondiglio Robert Neville non trova nessuno, nel frattempo Lisa, ormai allo stadio finale della malattia, si imbatte nella Famiglia da cui viene inevitabilmente attirata. L'ultimo incontro tra Matthias e Neville avviene nell'attico di quest'ultimo, che riesce a trarsi in salvo dall'aggressione della Famiglia e portare con se anche Lisa nella speranza di poterla curare, ma Matthias coglie l'attimo e scaglia una lancia a Neville, colpito proprio davanti casa sua. All'alba arriva il gruppo di Dutch che trova Neville morente e Lisa in pessime condizioni, prima di espirare l'ultimo respiro Neville da nelle mani di Dutch il flacone contenete il siero per salvare l'umanità. Nell'ultima inquadratura Neville appare senza vita nella fontana davanti casa sua con le braccia allargate, nella stessa posizione di Gesù crocifisso, il sangue sgorgante dalla ferita si è ormai mischiato all'acqua. Nevill è il nuovo salvatore dell'umanità.

Musiche:

La colonna sonora di Ron Grainer è stata pubblicata per la prima volta in cd nel marzo 2000 a cura dell'etichetta specializzate in musica per cinema Film Score Monthly. Questa prima edizione, limitata a 3000 copie, è andata esaurita ed è diventata oggetto di culto per i collezionisti, anche grazie alle ricche note esplicative sul film e sulla partitura che sono contenute nel libretto del disco. L'editrice discografica ha di recente ristampato il disco, fornendo altresì un collegamento in rete dove vengono riprodotte le analisi incluse nell'originario libretto (v. Collegamenti esterni).
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mar 2 Feb 2010 - 14:40

Scua gio...avolte anche i migliori sbagliano! :oops:
Il film di oggi è...non è un capolavoro del cinema...ma io quesato film lo adoro! ;)


Titolo originale: Sister Act
Paese: USA
Anno: 1992
Durata: 100 min
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: commedia
Regia: Emile Ardolino
Soggetto:
Sceneggiatura: Joseph Howard


Interpreti e personaggi
Whoopi Goldberg: Deloris Van Cartier/Suor Maria Claretta
Maggie Smith: Madre Superiora
Bill Nunn: Eddie Souther
Kathy Najimy: Suor Maria Patrizia
Wendy Makkena: Suor Maria Roberta
Mary Wickes: Suor Maria Lazzara
Rose Parenti: Suor Alma
Harvey Keitel: Vince LaRocca
Joseph Maher: Monsignor O'Hara
Ellen Albertini Dow: Suor Maria Felicita
Ruth Kobart: Suor Maria Ignazia
Pat Crawford Brown: Una suora
Carmen Zapata: Una suora
Prudence Wright Holmes: Una suora
Georgia Creighton: Una suora
Susan Johnson-Kehn: Una suora
Susan Browning: Una suora
Darlene Koldenhoven: Una suora
Sheri Izzard: Una suora
Edith Diaz: Una suora
Beth Fowler: Una suora
Terriel Lara: Una suora
Robert Miranda: Joey
Richard Portnow: Willy
Jim Beaver: Detective Clarkson
Jenifer Lewis: Michelle
Charlotte Crossley: Tina
A.J. Johnson: Lewanda
Desreta Jackson: la prima teenager
Zatella Beatty: la seconda teenager
Skye Bassett: la terza teenager
Lois De Banzie: Immaculata
Isis Carmen Jones: La piccola Deloris
Max Grodénchik: Ernie
Joseph G. Medalis: Henry Parker
Michael Durrell: Larry Merrick
Robert Jimenez: Il Reporter
Toni Kalem: Connie LaRocca
Kevin Bourland: Il pilota
David Boyce: Il Croupier
Tim Pedegana: Il giocatore d'azzardo
Terry Wills: Il venditore
David Parker: Il barista (as David M. Parker)
Nicky Katt: Il cameriere
Mike Jolly: Il primo motociclista
Jeremy Roberts: Il secondo motociclista
Eugene Greytak: Papa Giovanni Paolo II
Jeanne Basone: Una motociclista
Guy Boyd: Detective Tate
Aric Cushing: Uno studente
Mario Lara: Un parrocchiano

Trama
Deloris Van Cartier (Whoopi Goldberg) è una scatenata cantante dei casinò e amante del boss Vincent LaRocca, un ricettatore di denaro sporco e trafficante di droga.

Dopo una litigata fra i due a causa delle problematiche sul divorzio di Vincent, egli manda alla fidanzata una pelliccia di visone firmata Connie LaRocca, la moglie del boss.

Offesa da questo comportamento superficiale, Deloris decide di andare nel quartier generale del fidanzato per comunicargli che vuole lasciarlo definitivamente e dedicarsi alla carriera. Ma appena entrata nella stanza, assiste all'omicidio di un autista del boss, che il giorno prima aveva fatto una "soffiata" alla polizia. Deloris si dà alla fuga e Vince dà ordine di inseguirla ed ucciderla per eliminare il testimone dell'omicidio.

La cantante impaurita va a raccontare tutto alla polizia e si affida al tenente Eddy Sauter, che suggerisce di nasconderla nel convento di suore carmelitane di Santa Caterina. Deloris viene quindi nascosta in convento, diventando Suor Maria Claretta.

Ma l'atmosfera tranquilla e raccolta del Santa Caterina non basta a calmare l'indole irrequieta di Deloris, e al suo ennesimo richiamo, la madre superiora (Maggie Smith) dispone che suor Maria Claretta rimanga nel convento ad una condizione: dovrà far parte dello stonato coro delle suore per migliorarlo. Grazie all'intervento di Deloris, il livello del coro migliora notevolmente e alcuni giorni dopo, durante la messa della mattina, il coro dimostra ai pochi fedeli presenti la sua bravura cantando un sorprendente "Salve Regina", prima calmo e solenne, poi in tono rock. La musica viene sentita anche per strada e attira i giovani del quartiere, che entrano in chiesa e ascoltano il resto della messa.

L'esibizione viene reputata di cattivo gusto dalla madre superiora, mentre piace molto a monsignor O'Hara, il sacerdote della chiesa. Maria Claretta inoltre istituisce con il coro una piccola associazione locale che aiuta la restaurazione del quartiere e la valorizzazione dei centri pubblici.

Intanto il Pontefice parte per gli Stati Uniti d'America e dopo una nuova esibizione arriva la notizia che perfino il Papa ha sentito parlare del coro del Santa Caterina, e trovandosi a San Francisco avrebbe molto piacere di ascoltarlo. Nel frattempo, però, una talpa dentro il commissariato rivela all'associazione mafiosa dell'ex amante di Deloris il luogo in cui quest'ultima si trova.

La spia viene arrestata e il tenente Sauter corre ad avvertire Deloris, ma questa viene rapita dalle due spalle del boss insieme alla sorella suor Maria Roberta, che però riesce a scappare e a dare l'allarme alle consorelle. La madre superiora è costretta ora a rivelare la vera identità di suor Maria Claretta, cosa rimasta nascosta fino a quel momento. Con una rischiosa manovra della polizia e con l'aiuto delle consorelle, tra le scintille di Reno e colpi di scena, Vince LaRocca viene finalmente arrestato e Deloris liberata. Nella scena finale, Deloris dirigerà il coro alla presenza del Papa, che applaudirà entusiasta l'esibizione della svitata suor Maria Claretta.
Tornare in alto Andare in basso
Pincopallino

avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mar 2 Feb 2010 - 17:13

Forte Sister Act! :bravo:
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mar 2 Feb 2010 - 21:14

Si è un film che rivedrei a ripetizione!!! :D
Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 11:36

bè non esageriamo ! ! ! è un film carino... ma dopo la terza volta che lo vedi ti tagli le vene ! ! !
Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 11:42

Oggi posto un film leggero leggero... commedia per quasi tutti... ! di Benigni! Film che dovrebbero fare a breve... è abbastanza stupido come film,ma è gradevole per perdere una serata!

Il Film è:


Titolo originale: Son of the Pink Panther
Paese: USA
Anno: 1993
Durata: 93 min
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: commedia
Regia: Blake Edwards
Soggetto: Blake Edwards

CAST:

Roberto Benigni: Gendarme Jacques Gambrelli
Herbert Lom: Commissario Charles Dreyfus
Claudia Cardinale: Maria Gambrelli
Shabana Azmi: Regina
Debrah Farentino: Principessa Yasmin
Jennifer Edwards: Yussa
Robert Davi: Hans Zarba


TRAMA:

Sulla Costa Azzurra viene rapita la figlia di un re arabo. Il caso è affidato al figlio illegittimo dell'ispettore Clouseau (interpretato da Roberto Benigni, che si rivela, identico al padre, un disastro della natura).
Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 11:57

Pincopallino... se vuoi posta tranquillamente anche tu un bel film da consigliare a tutti noi!

Però bada che sia bello! ! ! ! :lol!:
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 13:56

Allora per rimanere in tema con gio posto anch'io un film con e di benigni che mi piace molto...
Ps...no gio non mi puoi schifare sister act! ;)


Lingua originale: italiano, tedesco, inglese
Paese: Italia
Anno: 1997
Durata: 120 min
Colore: colore
Audio: sonoro
Rapporto: 1,85:1
Genere: drammatico, commedia
Regia: Roberto Benigni
Soggetto: Roberto Benigni, Vincenzo Cerami
Sceneggiatura: Roberto Benigni, Vincenzo Cerami
Produttore: Elda Ferri, Gianluigi Braschi
Casa di produzione: Cecchi Gori Group, Melampo Cinematografica
Distribuzione (Italia): Cecchi Gori Distribuzione


Interpreti e personaggi
Roberto Benigni: Guido Orefice
Nicoletta Braschi: Dora
Giorgio Cantarini: Giosuè
Giustino Durano: Eliseo Orefice
Amerigo Fontani: Rodolfo
Sergio Bustric: Ferruccio Papini
Lydia Alfonsi: signora Guicciardini
Horst Buchholz: dottor Lessing
Pietro De Silva: Bartolomeo
Marisa Paredes: madre di Dora
Giuliana Lojodice: direttrice
Francesco Guzzo: Vittorino


Trama
Il film comincia con un commento fuori campo di Omero Antonutti: Questa è una storia semplice, eppure non è facile raccontarla, come in una favola c'è dolore, e come in una favola, è piena di meraviglie e di felicità.

1939. Guido Orefice (Roberto Benigni), un giovanotto ebreo pieno di allegria, si reca ad Arezzo con l'amico Ferruccio. Durante il movimentato viaggio Guido incontra una giovane maestra, Dora (Nicoletta Braschi), che chiama da subito principessa. Arrivato in città, si reca a casa dello zio Eliseo (Giustino Durano), maître dell'hotel più rinomato della città: Guido è infatti deciso a diventare un cameriere sebbene il suo progetto sia quello di aprire in seguito una libreria. Quello stesso giorno, in municipio, avviene lo scontro con Rodolfo, un arrogante gerarca fascista, in seguito al quale ciascuno dei due soprannomina l'altro lo scemo delle uova (Guido sbadatamente mette le uova nel cappello del gerarca, e quando questo lo indossa le uova gli si rompono sulla testa).

Un giorno Guido incontra di nuovo Dora e scopre che è fidanzata con Rodolfo. Nel frattempo, Guido all'hotel fa amicizia con un medico tedesco con la fissazione per gli indovinelli. Il giorno dopo, nella speranza di rincontrare Dora, Guido, si spaccia per ispettore scolastico e "dimostra" la superiorità della razza ariana. Una sera Dora, con i suoi amici, va a teatro, ovviamente Guido la segue e, con uno stratagemma, la "soffia" a Rodolfo. I due quella sera parlano a lungo e Guido le confessa infine il proprio amore per lei.

Una sera, proprio al Grand Hotel, Rodolfo festeggia il suo fidanzamento ufficiale con Dora, restia e non troppo convinta del passo. Nel corso della festa Dora si rende conto di quanto sia più attratta da Guido e, al termine della serata, sale sul cavallo che Guido fa entrare nell'hotel e si lascia "rapire". Guido e Dora si sposano e dal loro amore nasce Giosuè (Giorgio Cantarini).

Sei anni dopo la famiglia è ancora felice, Guido ha finalmente aperto la sua libreria ma proprio il giorno del compleanno di Giosuè, il piccolo, Guido e lo zio vengono deportati in un campo di concentramento assieme agli altri ebrei. Dora, che non è ebrea, li segue volontariamente, incontrando il marito per l'ultima volta appena arrivati al campo. Pur di proteggere Giosuè dagli orrori della realtà, in una delle scene più geniali del film, Guido si spaccia come interprete del caporale tedesco, e "traduce" tutte le regole del lager in un emozionante gioco in cui si dovranno affrontare prove tremende per vincere il meraviglioso premio finale, un carro armato.

Col passare dei giorni Giosuè entra attivamente nel vivo del "gioco". Qualche giorno dopo Guido riuscirà a parlare con Dora per l'ultima volta attraverso il microfono del campo. Durante la visita medica, Guido incontra nuovamente il medico del Grand Hotel che gli offre di lavorare come cameriere ad una cena degli ufficiali tedeschi. Guido accetta credendo che il medico voglia aiutarlo ad evadere dal lager, ma grande sarà la sua delusione quando, quella stessa sera, il dottore lo chiamerà solo per sottoporgli un assurdo indovinello.

Una notte, all'improvviso, i soldati tedeschi abbandonano freneticamente il campo dopo aver fatto strage dei deportati rimasti. Guido riesce a nascondere Giosuè in una cabina, promettendogli di ritornare, ma mentre è alla ricerca della moglie viene scoperto e fucilato. Le scene finali del film mostrano come al mattino seguente il lager venga liberato. Giosuè esce dalla cabina in cui si era rifugiato ed è infine salvato da un soldato americano che lo fa salire su un carro armato mentre, convinto di aver vinto il premio finale, grida: è verooo!!!

Il film si conclude con il bambino, accompagnato dall'americano, che ritorna felicemente dalla madre e la voce narrante termina dicendo: Questa è la mia storia, questo è il sacrificio che mio padre ha fatto, questo è stato il suo regalo per me!

Storia del film
Il film fu girato tra il novembre 1996 e l'aprile 1997, tra Arezzo, Montevarchi, Castiglion Fiorentino, Roma e Papigno (Terni), Benigni dichiarò: Questo film, che si chiama «La vita è bella», mi è venuto fuori, ma con emozione, tanto che mi ha fatto tremare tutte le costole del costato, ma anche a girarlo, ma bello, bello, è un film che l'ho fatto in me la notte [1].

Durante le riprese, Benigni ebbe comunque qualche esitazione: La gente mi diceva di fare attenzione perché era una idea molto estrema, temevo di offendere la sensibilità dei sopravvissuti, lo so che tragedia sia stata, e sono orgoglioso di aver dato il mio contributo, sull'Olocausto e sulla memoria di questo terrificante periodo della nostra storia, io non sono ebreo, ma la storia appartiene a tutti.

Il campo di concentramento nel film è in realtà una vecchia fabbrica dismessa nei pressi di Terni (Papigno) che fu riadattata come lager per le riprese.

Da ricordare che questo fu l'ultimo dei 135 film di cui Tonino Delli Colli fu Direttore della Fotografia; e in un'intervista, alla domanda su cosa volesse dire lavorare con Benigni, rispose: È proprio una bellezza.

Inoltre Benigni si avvalse della consulenza dello storico Marcello Pezzetti e di Shlomo Venezia, sopravvissuto di Auschwitz, che a quei tempi era uno dei Sonderkommando, cioè quelle unità speciali che avevano il compito di estrarre i corpi dalle camere a gas e cremarli. In seguito tutti i Sonderkommando vennero uccisi per mantenere il segreto sull'Olocausto. Venezia è uno dei pochissimi sopravvissuti: se ne contano una dozzina nel mondo.
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 14:11

A corollario del messaggio di Sbea...

_________________


Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 14:30

ddio stupenda questa scena...mi vennero le lacrime agli occhi... :(
Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 17:11

Nonschifo sister act, dico solo che se lo vedi più di tre volte ti spari!

:lol!:
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 17:37

Eh no...!!!Woopy non starlo a sentire,io ti adoro!!!! :lol!:
Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 18:07

Woopy... sei brava, ma dopo un pò rompi ! ! ! BANG BANG! ! !
Soppressa! ! ! :twisted:

:lol!:
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 3 Feb 2010 - 18:47

Dovreste vedere Woopy nei panni di Guinan in "Star Trek - The next generation".

_________________


Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   

Tornare in alto Andare in basso
 
La bacheca di Syrus: per parlare di cinema
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 16Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10 ... 16  Seguente
 Argomenti simili
-
» La bacheca di Syrus: per parlare di cinema
» Il Cinema della Follia
» la censura e il cinema
» Bacheca
» I Cattivi del Cinema: il vostri preferiti

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Brendon Forum :: Old London :: Cavalcando Falstaff: area off-topic-
Andare verso: