Comunità del fantasy dedicata all'eroe creato da Claudio Chiaverotti. - Materiale riprodotto dal sito di Sergio Bonelli Editore resta proprietà della casa editrice. - Qui spam = ban!
IndiceGalleriaFAQCercaRegistratiAccedi
Siti e forum amici
Siti amici del Brendon Forum
Gli "sponsor" del Forum

Ultimi argomenti
» #S14 Ritorno al Regno del Nonmai - luglio 2017
Ieri alle 17:59 Da Gas75

» Immagini dalla Nuova Inghilterra! 2
Mer 7 Giu 2017 - 20:39 Da Gas75

» Che canzone state ascoltando? 2
Mer 7 Giu 2017 - 20:33 Da Gas75

» Mister No Riedizione
Gio 1 Giu 2017 - 10:23 Da <alessandro>

» Nathan Never
Ven 26 Mag 2017 - 10:22 Da <alessandro>

» #24 Cuore di corvo - aprile 2002
Gio 25 Mag 2017 - 15:44 Da Gas75

» Palmanova The Games Fortress, dal 30 giugno al 2 luglio 2017
Mer 24 Mag 2017 - 8:00 Da <alessandro>

» Le scene più toccanti di Brendon
Mar 23 Mag 2017 - 11:35 Da <alessandro>

» Ci metto la firma
Mar 23 Mag 2017 - 8:28 Da Gas75

» #3 La Luna Nera - ottobre 1998
Lun 22 Mag 2017 - 14:10 Da <alessandro>

» Nick Raider
Dom 14 Mag 2017 - 9:06 Da Gas75

» Jeeg Robot d'acciaio
Ven 12 Mag 2017 - 18:40 Da <alessandro>

» Dampyr
Dom 7 Mag 2017 - 16:15 Da Gas75

» Figli della stessa donna senza essere fratelli
Lun 1 Mag 2017 - 21:11 Da Gas75

» Curiosità e notizie dal web 2
Ven 31 Mar 2017 - 10:37 Da Gas75

» Ultimo acquisto (esclusi alimenti)
Gio 23 Mar 2017 - 4:03 Da BeatOFPleasure2

» Superman/Batman
Lun 13 Mar 2017 - 9:35 Da Gas75

» Topic dei compleanni
Mar 7 Mar 2017 - 13:57 Da Gas75

» Giacomo Pueroni
Dom 19 Feb 2017 - 15:19 Da Gas75

» uno scellerato alla sventura
Ven 3 Feb 2017 - 16:21 Da Gas75

Migliori postatori
Gas75 (12204)
 
<alessandro> (6374)
 
ghera (3669)
 
giotaglia_80 (3150)
 
fiamme d'inferno (1467)
 
Pincopallino (372)
 
Basko (182)
 
BeatOFPleasure2 (89)
 
rolling (34)
 
ginkgobiloba (26)
 

Condividere | 
 

 La bacheca di Syrus: per parlare di cinema

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Lun 31 Gen 2011 - 20:30

colmiamo una grande lacuna di questo topic approfittando del fatto che l'ho rivisto ieri...signori e signore...

ROMA CITTA' APERTA




Roma città aperta


Paese Italia
Anno 1945
Durata 99 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, guerra
Regia Roberto Rossellini
Soggetto Sergio Amidei, Alberto Consiglio
Sceneggiatura Sergio Amidei, Federico Fellini, Celeste Negarville, Roberto Rossellini
Fotografia Ubaldo Arata
Montaggio Eraldo Da Roma
Musiche Renzo Rossellini
Scenografia Rosario Megna


Interpreti e personaggi
Anna Magnani: Pina
Aldo Fabrizi: don Pietro Pellegrini
Vito Annichiarico: Marcello
Marcello Pagliero: Luigi Ferraris, alias ing. Giorgio Manfredi
Maria Michi: Marina Mari
Harry Feist: magg. Fritz Bergmann
Francesco Grandjacquet: Francesco
Giovanna Galletti: Ingrid
Nando Bruno: Agostino, alias Purgatorio, il sagrestano
Turi Pandolfini: il nonno
Eduardo Passarelli: brig. metropolitano
Amalia Pellegrini: Nannina
Carla Rovere: Lauretta
Carlo Sindici: il questore
Alberto Tavazzi: prete confessore
Akos Tolnay: disertore austriaco
Joop Van Hulzen: cap. Hartmann
Doppiatori originali
Ferruccio Amendola: Marcello
Lauro Gazzolo: Luigi Ferraris
Giulio Panicali: magg. Fritz Bergman
Gualtiero De Angelis: Francesco
Rosetta Calavetta: Lauretta

Premi
Grand Prix du Festival al Festival di Cannes 1946 (ex-aequo con altri sei film)
Nastro d'Argento 1946: miglior regista (ex-aequo con Alessandro Blasetti e Vittorio De Sica), miglior sceneggiatura, miglior interpretazione femminile (Anna Magnani)
New York Film Critics 1946: miglior film straniero
National Board of Review Awards 1946: miglior attrice (Anna Magnani)
Si invita a seguire le linee guida del Progetto Film
Roma città aperta è un film del 1945 diretto da Roberto Rossellini. È considerato il manifesto del neorealismo e uno dei capolavori assoluti del cinema mondiale. Inoltre è il primo della trilogia della guerra diretti da Rossellini, seguiranno Paisà e Germania anno zero. Indimenticabile è l'interpretazione di Anna Magnani che diventerà celebre come attrice di una forte intensità drammatica in tutto il mondo. Nel cast figura anche uno straordinario Aldo Fabrizi.


Trama

A Roma il regime fascista è caduto, gli Alleati hanno invaso l'Italia ma ancora non sono giunti nella capitale, dove la resistenza è più attiva che mai. Manfredi, militante comunista e uomo di spicco della resistenza, sfugge a una retata della polizia e si rifugia presso un tipografo antifascista, Francesco. Il giorno seguente, Francesco dovrebbe sposare Pina, una vedova madre di un bambino. La sorella di Pina, Lauretta, fa l'artista in un locale insieme a un'altra giovane, Marina, legata sentimentalmente in passato a Manfredi. Don Pietro, il parroco locale, non nega mai aiuto ai perseguitati politici e fa da portavoce dei partigiani. Rispettato da tutti, compreso Marcello e la sua banda di piccoli sabotatori, riesce a passare facilmente attraverso le linee nemiche, senza destare sospetti. Manfredi sfugge a un'altra retata tedesca mentre Francesco viene arrestato. Pina grida tutta la sua protesta e cade sotto il fuoco dei mitra. Più tardi Francesco riesce a scappare e si nasconde, con Manfredi, nell'abitazione di Marina. Scoppiano i dissapori e cresce il risentimento della ragazza per Manfredi, tanto che Marina, per ottenere della droga, tradisce l'uomo denunciandolo a Ingrid, agente della Gestapo, al servizio dei comandante Bergmann. Manfredi viene così arrestato durante un incontro con don Pietro ed entrambi vengono fatti prigionieri. Manfredi subisce terribili torture e muore. Don Pietro viene fucilato. Mentre Marina e Lauretta cadono sempre più nell'abiezione morale, Francesco, Marcello e i suoi ragazzi continuano la lotta.


Produzione

Girato in bianco e nero e considerato uno dei capolavori del neorealismo, il film è il primo della cosiddetta "Trilogia della guerra", poi proseguita con Paisà (1946) e Germania anno zero (1948).
Le riprese del film furono fatte in condizioni precarie, sia per il periodo, i tedeschi erano da poco andati via, sia per la scarsa disponibilità del materiale tecnico compresa la pellicola. Non essendo disponibili gli studi di Cinecittà, già spogliata dalle attrezzature e ridotta ad essere un grande rifugio per gli sfollati, che non potevano essere accolti altrove, Rossellini e la troupe improvvisarono le riprese di alcuni interni nel vecchio teatro Capitani, in via degli Avignonesi 32, dietro via del Tritone.
La scena centrale del film, con la corsa e l'uccisione di Anna Magnani dietro al camion che porta via il marito catturato dai tedeschi, fu girata in Via Raimondo Montecuccoli, al quartiere Prenestino-Labicano, ed è forse la sequenza più celebre del neorealismo nonché una delle più famose della storia del cinema italiano.
Il film presentato al pubblico, nel settembre del 1945 senza alcuna anteprima, ebbe scarso successo, solo successivamente dopo aver ricevuto vari premi e riconoscimenti fu apprezzato unanimemente.


I premi

Presentato in concorso al Festival di Cannes 1946, ottenne il Grand Prix come miglior film. Vinse anche tre Nastri d'Argento, per la miglior regia, la miglior sceneggiatura e la migliore attrice non protagonista (Anna Magnani).
Il film ottenne anche una nomination al Premio Oscar come migliore sceneggiatura originale.


Critica

« È un film che rievoca il tragico periodo dell'occupazione tedesca di Roma e ne dà un quadro e un giudizio così giusto da suscitare immediatamente in tutto il pubblico il più vivo consenso e per il ricordo della recente tragedia, anche commozione profonda. Lo squallore delle vie cittadine nelle notti di coprifuoco e gli arresti, le torture, i delitti, le bieche figure di Caruso e di Dollmann, tutto qui è ricordato, con oggettività priva di retorica e con implicita valutazione politica così assennata ed equa che il film merita indubbiamente il plauso di tutti gli onesti. Valendosi intelligentemente dell'abilità di due attori popolari come la Magnani e Fabrizi, il regista ha sorretto la semplicità della trama drammatica su sequenze alternanti abilmente note comiche e addirittura grottesche alle scene più forti e strazianti. »
(Umberto Barbaro, l'Unità, 26-11-1945 )
« La Magnani è immensa. Attrice sensibile, intelligentissima. E non venitemi a parlare di volgarità. La Magnani va collocata, studiata e criticata sul piano del romanesco. Allora si vedrà che, nella sua virulenza plebea, l'attrice deriva proprio dalla tradizione popolare più pura e quindi più nobile. Giovacchino Belli scenderebbe dal suo piedistallo e s'inchinerebbe, con la tuba in mano davanti a lei. C'è un momento nel film in cui il Vammoriammazzato! di Anna Magnani, rivolta a un tedesco, toglie il respiro e rimane nell'aria, tragicamente come una condanna definitiva. »
(Silvano Castellani, Star, 6-10-1945 )
« Rappresenta la grande sorpresa italiana del dopoguerra, l'inaugurazione (o meglio, la consacrazione) del neorealismo. Rossellini si propone come il suo corifeo. Non ha alle spalle una ideologia salda o nuova, al massimo si richiama ai valori del cattolicesimo, e forse neppure a quelli. La forza del film risiede nella trasgressione di ogni regola, di ogni consuetudine, di ogni luogo comune culturale. »
(Fernaldo Di Giammatteo, 'Dizionario del cinema')

Incassi

Incasso accertato a tutto il 31 dicembre 1952 è stato di £ 124.500.000


Manifesti e locandine

La realizzazione dei manifesti e delle locandine del film furono affidati al pittore e cartellonista Anselmo Ballester di Roma.
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mar 1 Feb 2011 - 8:21

Un capolavoro del cinema italiano, e non solo.
Drammatico e commovente, con un Aldo Fabrizi che si dimostra uno dei massimi attori che abbiamo mai avuto.

_________________


Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mar 1 Feb 2011 - 10:08

è un film che mi manca! :D Cercherò di provvedere! Grazie Sbea! ;)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mar 1 Feb 2011 - 15:04

te lo consiglio vivamente gio anche perchè c'è anna magnani che da sola vale tutta la pellicola :heart:
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Lun 18 Apr 2011 - 13:18

Terminato l'elenco dei film!

_________________


Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Lun 18 Apr 2011 - 18:18

Gas75 ha scritto:
Terminato l'elenco dei film!

Bellissimo lavoro Gas! ;)
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Mer 30 Mag 2012 - 10:55

Visto ieri al cinema, e consigliato!

Il pescatore di sogni
Paese Regno Unito
Anno 2011
Durata 107 min
Genere commedia, drammatico, sentimentale
Regia Lasse Hallström

Interpreti e personaggi
Ewan McGregor: Alfred Jones
Emily Blunt: Harriet Chetwode-Talbot
Kristin Scott Thomas: Patricia Maxwell
Amr Waked: Sceicco Muhammad

Trama.
Fred Jones è un esperto di ittica al servizio del governo britannico. Viene però contattato dallo sceicco Muhammad per una richiesta alquanto particolare: introdurre il salmone nelle acque dello Yemen. L'uomo bolla subito la richiesta come ridicola, ma il fallimento del suo matrimonio e l'ottimismo dello sceicco lo spingono ad intraprendere un viaggio apparentemente impossibile, accompagnato da Harriet.

---

Dal regista di "Chocolat" e "Hachiko - Il tuo migliore amico", una storia simpatica e avvincente dove importanti organi politici britannici, per tenere in ombra le poco confortanti notizie dall'Afghanistan, mettono in risalto l'idea di un bizzarro sceicco appassionato di pesca. L'idea coinvolte così i protagonisti, l'esperto ma timido Fred, la bella ma insicura Harriet, la portavoce del Primo Ministro e mamma acida Patricia... Amori, ambizioni, sogni... e l'assurda dimostrazione che pescare è come avere fede! :D


_________________


Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   Ven 1 Giu 2012 - 9:37

Riorganizzato l'indice dei film nel messaggio di apertura: ora sono ordinati per titolo e non per pagina, e cliccando su un titolo si accede alla pagina che contiene la scheda! 8-)

Già che c'ero ho anche apportato alcune correzioni: "Il corvo" era già stato recensito in "Fantacinebook" (da Donnie :k8: ) quindi l'ho rimosso da questa discussione perché doppione; inoltre ho spostato in "Fantacinebook" anche "La storia fantastica".

_________________


Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La bacheca di Syrus: per parlare di cinema   

Tornare in alto Andare in basso
 
La bacheca di Syrus: per parlare di cinema
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 16 di 16Andare alla pagina : Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16
 Argomenti simili
-
» La bacheca di Syrus: per parlare di cinema
» Il Cinema della Follia
» la censura e il cinema
» Bacheca
» I Cattivi del Cinema: il vostri preferiti

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Brendon Forum :: Old London :: Cavalcando Falstaff: area off-topic-
Andare verso: