Comunità del fantasy dedicata all'eroe creato da Claudio Chiaverotti. - Materiale riprodotto dal sito di Sergio Bonelli Editore resta proprietà della casa editrice. - Qui spam = ban!
IndiceGalleriaFAQCercaRegistratiAccedi
Siti e forum amici
Siti amici del Brendon Forum
Gli "sponsor" del Forum

Ultimi argomenti
» E' morto Sergio Bonelli
Ven 29 Set 2017 - 8:59 Da Gas75

» Dampyr
Dom 27 Ago 2017 - 8:44 Da Gas75

» #S14 Ritorno al Regno del Nonmai - luglio 2017
Dom 23 Lug 2017 - 16:20 Da Gas75

» #95 Universi - febbraio 2014
Sab 22 Lug 2017 - 12:56 Da <alessandro>

» Julia
Sab 15 Lug 2017 - 17:15 Da <alessandro>

» Paolo Limiti
Ven 30 Giu 2017 - 22:56 Da BeatOFPleasure2

» #66 Timerider - aprile 2009
Gio 29 Giu 2017 - 15:04 Da <alessandro>

» Nathan Never
Mar 27 Giu 2017 - 21:38 Da Gas75

» Zagor
Lun 26 Giu 2017 - 12:24 Da <alessandro>

» Immagini dalla Nuova Inghilterra! 2
Mer 7 Giu 2017 - 20:39 Da Gas75

» Che canzone state ascoltando? 2
Mer 7 Giu 2017 - 20:33 Da Gas75

» Mister No Riedizione
Gio 1 Giu 2017 - 10:23 Da <alessandro>

» #24 Cuore di corvo - aprile 2002
Gio 25 Mag 2017 - 15:44 Da Gas75

» Palmanova The Games Fortress, dal 30 giugno al 2 luglio 2017
Mer 24 Mag 2017 - 8:00 Da <alessandro>

» Le scene più toccanti di Brendon
Mar 23 Mag 2017 - 11:35 Da <alessandro>

» Ci metto la firma
Mar 23 Mag 2017 - 8:28 Da Gas75

» #3 La Luna Nera - ottobre 1998
Lun 22 Mag 2017 - 14:10 Da <alessandro>

» Nick Raider
Dom 14 Mag 2017 - 9:06 Da Gas75

» Jeeg Robot d'acciaio
Ven 12 Mag 2017 - 18:40 Da <alessandro>

» Figli della stessa donna senza essere fratelli
Lun 1 Mag 2017 - 21:11 Da Gas75

Migliori postatori
Gas75 (12237)
 
<alessandro> (6387)
 
ghera (3669)
 
giotaglia_80 (3150)
 
fiamme d'inferno (1467)
 
Pincopallino (372)
 
Basko (182)
 
BeatOFPleasure2 (105)
 
rolling (34)
 
ginkgobiloba (26)
 

Condividere | 
 

 Quanto vale la vita di un italiano?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Quanto vale la vita di un italiano?   Gio 18 Giu 2009 - 18:13

Due anni e sei mesi, secondo la Corte d'appello...

Il 26 novembre 2008, per la prima volta nel nostro Paese, un giudice riconobbe un pirata della strada responsabile di omicidio volontario. Oggi, la Corte d'assise d'appello di Roma ha riformato quella sentenza: non più omicidio volontario, ma omicidio colposo; non più 10 anni di reclusione, ma pena dimezzata. Cinque anni di carcere sono stati inflitti a Stefano Lucidi, 35 anni di Roma.

Il 22 maggio 2008 Lucidi investì e uccise, in un incrocio di via Nomentana a Roma, Alessio Giuliani e Flaminia Giordani, una coppia di giovanissimi fidanzati. Lucidi era alla guida di una Mercedes di proprietà del padre ed era in compagnia della fidanzata, figlia del'ex attaccante di Lazio e Napoli, Bruno Giordano; Alessio e Flaminia erano in sella a uno scooter. Dopo 5 ore di interrogatorio, il giovane confessò. In primo grado, dopo il processo con il rito abbreviato, il giovane fu condannato dal gup Marina Finiti a 10 anni di reclusione per omicidio volontario con dolo eventuale. Ma l'omicidio colposo è stato il titolo di reato oggi individuato dalla Corte per la sua sentenza; i giudici, comunque, hanno trasmesso il fascicolo processuale al pm per valutare l'eventuale ulteriore contestazione di omissione di soccorso.

"Non avrei mai creduto a una sentenza di questo tipo. Poteva essere l'inizio di un nuovo percorso di giustizia, oggi smentito clamorosamente", ha tuonato Teresa Chironi, madre di Flaminia Giordani, una delle due vittime. La donna, durante l'udienza, per due volte è uscita dall'aula in lacrime, non reggendo al ricordo dell'incidente. "Era un messaggio di giustizia, correttezza e dignità umana quello che ci aspettavamo", ha aggiunto mentre Sergio Giordani, padre di Flaminia confida: "Dopo questa sentenza, non mi sento più italiano". Se per il difensore di Lucidi, Franco Coppi, la sentenza di oggi è stata "corretta ed equilibrata", per il legale delle famiglie delle vittime, Francesco Caroleo Grimaldi, invece, è stato "un amaro passo indietro" e "ha prevalso una visione conservatrice del diritto rispetto a una corretta valutazione di un fenomeno sociale che non può ridursi a rango di una semplice imprudenza, ma che comporta settemila morti all'anno nelle strade".

Fonte

---

5 anni di galera per due persone ammazzate. Non contano le attenuanti: due persone sono morte, si è spezzato per sempre il filo della loro vita, del loro futuro, e di quello dei loro eventuali figli.
E per lo Stato italiano, uno Stato buffone che sa farsi presente soltanto sotto le elezioni, ciascuna di quelle vite vale 2 anni e 6 mesi, se un assassino è punito con 5 anni di galera, senza dimenticare il beneficio dell'indulto.
Che dire? Auguro di tutto cuore al giudice che ha emesso questa sentenza indecente di provare sulla sua pelle la perdita di un figlio, e soprattutto di trovare innanzi a sè il menefreghismo e l'assenza di umanità di quella chimera che va sotto il nome di giustizia italiana.

_________________


Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Lun 22 Giu 2009 - 9:31

In italia funziona ben poco, tuttavia , visto che siamo tutti dentro la stessa barca, la colpa e' da attribuire, in parte ,ad ognuno di noi.
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Lun 22 Giu 2009 - 9:38

Sarei pure pronto a scontare la pena proporzionata per la mia quota di colpa, ma certa gente allora deve marcire in galera, compreso chi gode di immunità politiche: la legge è uguale per tutti, sta scritto.

_________________


Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Mer 24 Giu 2009 - 16:30

E' vergognoso....ma purtroppo in Italia funziona così... l'abbiamo visto anche con il caso di Annamaria Franzoni... E' un paese di pagliacci....
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Sab 12 Set 2009 - 10:59

triste topic ma doveroso...personalmente vi rimando tutti al blog di Beppe Grillo
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Sab 12 Set 2009 - 11:23

Andrea Gagliardoni, una delle tante morti bianche, la cui vita si è spenta sotto una pressa privata di sistemi di sicurezza perché si voleva aumentare la produzione...
I responsabile dell'azienda, Giuseppe Bonifazi e Mario Guglielmi, sono stati condannati a otto mesi di carcere ciascuno, neppure scontati poiché incensurati.

Andrea Gagliardoni aveva 23 anni.

_________________




Ultima modifica di Gas75 il Sab 12 Set 2009 - 13:18, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Sab 12 Set 2009 - 12:40

un anno in meno di me...che schifo...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Ven 6 Nov 2009 - 22:36

Ci definiamo stato civile, ma temo che il detto "tra il dire ed il fare c'e' di mezzo il mare" , per quanto stupido, si adatta bene a questo paese :)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Mer 11 Nov 2009 - 15:04

Vogliamo parlare del caso cucchi?Perchè se il colpevole di tale scempio porta una divisa deve essere protetto?
Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Gio 12 Nov 2009 - 16:49

Avendo letto quello che ha postato Gas75 se l'investitore di due persone le uccide si deve dimostrare il DOLO: altrimenti al PM non rimane che la condanna per Omicidio COLPOSO plurimo (2 persone)
La pena massima per omicidio colposo è 4 anni, la minima di 6 mesi (Codice Penale)
Essendo due persone uccise si sarà tenuta in conto una aggravante, infatti il giudice ha dato 5 anni in secondo appello. Non può essere dimostrato l'omicidio Volontario in nessuna maniera In dubio Pro Reo (cioè nel dubbio a favore del colpevole). Questo stabilisce il legislatore (la Legge) !!!!!
Per il caso Cucchi bisogna partire da un presupposto. Chiounque sia stato il colpevole, chiunque lo abbia picchiato a sangue fino a causargli la morte... non potrà essere condannato per omicidio Volontario e quindi DOLOSO! al massimo per Omicidio Preterintenzionale!!!
Il Fatto che probabilmente sia stato una persona che indossi una divisa (poliziotto, guardia carceraria, carabiniere, ecc) non lo copre per niente.
Ci sono stati altri casi nei quali i poliziotti hanno pagato con il carcere i loro sbagli. Su questo non ci piove. Un caso eclatante che in parte mi può dare ragione è quello di Gabbo, il tifoso laziale ucciso dal poliziotto Spaccarotelle... (credo si scriva così il cognome), ilk quale sta subendo un processo per omicio....
Parlo con cognizione di causa, sono laureato in Scienze Giuridiche, non trovo posto di lavoro, ma so tutte queste cosette....
La legge molte volte non è giusta, ma è legge. Non bisogna prendersela con il legislatore in ogni caso molte volte, ma con i giudici, che non applicano la legge vigente che, se applicata, sarebbe meglio.
Giorgio
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Gio 12 Nov 2009 - 17:43

La morte di una persona è sempre la morte di una persona.
E troppo spesso la giustizia italiana ammazza due volte con delle condanne del genere...

_________________


Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Ven 13 Nov 2009 - 9:29

Concordo in certi casi. Il discorso che facevo io era prettamente legale. Non possiamo dire a mio parere che una condanna è ingiusta se rispecchia la legge. Possiamo dire che una condanna sia ingiusta solo nel momento in cui un giudice decide arbitrariamente, senza attenersi alla Legge medesima!
In tal caso (omicidio di due ragazzi), almeno come lo hai raccontato tu all'inizio del Topic, mi pare che il giudice abbia applicato la legge, avrebbe potuto al massimo dare qualche anno in più, ma mai arrivare a 10 anni di carcere e soprattutto mai condannare per omicidio Volontario di primo grado. Questa sarebbe stata una sentenza folle.
Personalmente sono del parere che bisognerebbe rivedere il codice per certi tipi di omicidio, come questo, inasprendole soprattutto per chi guida ubriaco o sotto l'effetto di droga o stupefacenti, in questo caso però non si può parlare comunqu e di Omiciio DOLOSO, ma al massimo di COLPA GRAVE o DOLO EVENTUALE.
Ma fino a quando non verrà fatto la legge è quella che è!
Quindi concordo, ma solamente in parte.
Spero di essere stato chiaro riferendo il mio pensiero.
Giorgio
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Ven 13 Nov 2009 - 9:56

Certo che sei stato chiaro, sin dal messaggio precedente. :)

Ritengo che la legge italiana, prima di tutelare "Caino" dovrebbe prendere in considerazione i parenti di "Abele", e tutto quello che comporta a livello di struttura familiare (affetti, lavoro...) la perdita di una persona.
Invece la legge italiana (e, nota, non parlo di giudici...), non solo dà condanne brevi e morbide rispetto al danno fatto (danno = morte di una persona e relative conseguenze suddette), ma neppure assicura che tale condanna sia scontata fino all'ultimo giorno! Tra buona condotta (in un Paese pieno di pregiudicati?), sconti di pena, indulto, attenuanti, patteggiamenti, c'è gente che s'è fatta sei mesi di carcere per omicidio! Oppure che se la sta spassando all'estero!
Come vive, secondo lo Stato, il padre di un ragazzo morto vedendo a passeggio l'assassino di suo figlio?

_________________


Tornare in alto Andare in basso
giotaglia_80
Consigliere
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Ven 13 Nov 2009 - 10:08

Sono d'accordo con te su questo argomento. La legge in certi casi dovrebbe essere più dura, ti dirò di più! io in certi specifici casi sono a favore della pena di morte.
Quando un uomo uccida Volontariamente e dolosamente un'altra persona merita la pena di morte, la darei anche a chi stupra donne o bambini, in quanto li ritengo soggetti più a rischio e più indifesi. Da soli (in particolare modo i bambini) non possono difendersi da soli e allora deve subentrare una norma che sia fortemente repressiva!
Giorgio
Tornare in alto Andare in basso
Gas75
Borgomastro
avatar


MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   Ven 13 Nov 2009 - 10:58

Quando si ha la certezza della colpevolezza della persona sì... anche se talvolta, con un certo sadismo degno degli scienziati di Adelphia, vorrei che quella gente venissa usata come cavia per sperimentare nuovi farmaci invece di utilizzare cavie... Anche perché non tutti sanno in vari laboratori (nonché università), oltre a iniettare di tutto nei topolini, si ricorre anche ad animali domestici, tutt'altro che colpevoli di qualcosa per dover essere sacrificati in quel modo.

_________________


Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Quanto vale la vita di un italiano?   

Tornare in alto Andare in basso
 
Quanto vale la vita di un italiano?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Quanto vale la vita di un italiano?
» QUANTO VALE QUESTA?
» Assenza di Biografia del maestro su Arsvalue.
» Riflessione controcorrente
» Vivere e lavorare in Bretagna

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Brendon Forum :: Old London :: Cavalcando Falstaff: area off-topic-
Andare verso: